Pentole in pietra, tutto quello che c’è da sapere

Negli anni i materiali utilizzati per la produzione delle pentole sono cambiati, e possiamo dire che si sono evoluti, diventando sempre più funzionali, resistenti ed ecologici. Un nuovo materiale che da anni si sta affermando sempre di più è la pietra, che permette di creare pentole antiaderenti dall’elevata resistenza che non presentano i rischi delle pentole antiaderenti in teflon. Se vuoi qualche informazione in più su questo tipo di pentole, continua a leggere!

Cucinare meglio si può, con le pentole in pietra

Qualche informazione sulle pentole in pietra

Pentole in pietra, tutto quello che c'è da sapereIl rivestimento di questo tipo di pentole e padelle è in pietra lavica, largamente utilizzata anche nell’arredamento e nella fabbricazione di piani per la cucina, ma anche nell’edilizia. Si tratta dunque di un materiale molto resistente e duraturo nel tempo. La proprietà principale della pietra lavica è quella di accumulare e mantenere il calore a lungo, anche una volta spento il fornello. Queste pentole sono dunque l’ideale per le cotture lunghe, e per le ricette ipocaloriche, in quanto non c’è bisogno di aggiungere olio o altri grassi nel corso della cottura. Esse permettono inoltre di mantenere inalterate tutte le propietà organolettiche dei cibi cucinati. Le pentole in pietra hanno proprietà antiaderenti naturali e sono facili da lavare, poiché non trattengono gli odori.

Come scegliere le pentole in pietra migliori

Le migliori marche di pentole in pietra sono Ballarini, Moneta e Lagostina. La pentola Ballarini modello 2629200, per esempio, presenta un rivestimento molto spesso di Cortina Granitium, che non subisce danni se toccato da utensili metallici. Fai sempre molta attenzione ad evitare i finti rivestimenti, dei quali potrai accorgerti anche soppesando la pentola per renderti conto se effettivamente è rivestita in autentica pietra. Prediligi inoltre le padelle con i bordi alti, che permettono una migliore conservazione del calore.

Pentole in pietra: ecco i prezzi

I prezzi di queste pentole dipendono da molti fattori, come le loro dimensioni, la marca, la qualità dei materiali con cui vengono fabbricate e le tecnologie utilizzate per la loro realizzazione. Possiamo dire che il loro rapporto qualità prezzo è ottimo, perché rientrano in una fascia di prezzo media, e la loro durata è molto lunga. Qualche esempio: la Ballarini modello 2629200 ha un prezzo che si aggira intorno ai 35 euro. Per i primi acquisti, è comunque consigliabile documentarsi un po’ e magari farsi guidare nella scelta da un esperto in un punto vendita specializzato.

E tu, che pentola scegli per le tue ricette?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *