Guida all’utilizzo sano delle padelle in cucina

La scelta delle padelle da utilizzare in cucina non è certo una cosa secondaria, poiché può incidere sulla qualità della cottura finale. Ogni padella ha caratteristiche diverse, capaci di esaltare o ridurre notevolmente le proprietà nutritive di alcuni cibi, quindi prima di acquistare padelle o pentole per la cucina bisogna fare un’attenta analisi. Da cosa dipendono le proprietà delle padelle? Innanzitutto dal materiale di cui sono composte, che bisogna conoscere bene. Alcune padelle infatti, se non vengono utilizzate correttamente, rischiano di rilasciare addirittura sostanze nocive nei cibi. Se vuoi saperne di più passa al paragrafo successivo per conoscere la guida all’utilizzo sano delle padelle in cucina.

Guida all’utilizzo sano delle padelle in cucina: l’alluminio e l’acciaio

guida all'utilizzo delle padelleMettiti comodo, inizia la guida all’utilizzo sano delle padelle per cucinare senza problemi. L’alluminio è probabilmente il materiale più usato in cucina, che però tende a rilasciare residui di metallo, per questo motivo è consigliabile non lasciarci dentro cibo troppo a lungo. Hai presente quella patina scura che si forma con l’utilizzo? Lo so, è antiestetica, ma ti suggerisco di non rimuoverla poiché rappresenta una barriera valida tra cibo e metallo. Prima di lavare le padelle in alluminio cospargile con un filo di olio dopo il primo lavaggio, e non utilizzare spugne abrasive.

L’acciaio ha una bassa conducibilità, quindi non sempre è in grado di distribuire il calore in modo uniforme, problema che causa la bruciatura del cibo. In questi casi ti consiglio di acquistare padelle di acciaio a triplo strato, cioè due dischi di acciaio inox con l’interposizione di un disco di alluminio, che favorisce una migliore distribuzione del calore. Continua la nostra guida all’utilizzo sano delle padelle in cucina nell’ultimo paragrafo.

Teflon e ferro: come regolarsi?

Siamo arrivati alla parte finale della guida all’utilizzo sano delle padelle in cucina, dove ci concentreremo sul teflon ed il ferro. Le padelle in teflon, portate ad alte temperature o graffiate, possono rilasciare il PFOA, una sostanza tossica per gli animali ma non per l’uomo. Ad ogni modo è opportuno non portare queste padelle a temperature troppo alte, ed utilizzarle solo se sono in buone condizioni.

Le padelle in ferro hanno una lunga durata, ma tendono ad arrugginirsi. Per questo motivo non devi lavarle troppo spesso con l’acqua, né devi utilizzare la lavastoviglie. Il ferro col tempo migliora le sue prestazioni, ma non è adatto alla conservazione degli alimenti ed è preferibile evitare il contatto con cibi acidi. Finisce qui la guida all’utilizzo sano delle padelle in cucina, quale di queste preferisci?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *